Skip to content

La donna col vestito verde – Stephanie Cowell

febbraio 6, 2011

L’amore che nutro per Parigi e la Normandia (e Bretagna) e per le opere dei pittori impressionisti mi hanno portato a leggere il libro della Cowell che racconta la vita di Claude Monet, della sua tormentata storia d’amore con “la donna col vestito verde”, Camille Doncieux,   ed è ambientato fra Parigi e la Normandia.

A Le Havre, piccola città dell’Alta Normandia, Oscar Claude Monet  non accetta di seguire le orme paterne e  disegna caricature di personaggi cittadini . Eugène Boudin, pittore locale, lo nota e gli propone di abbandonare le caricature e dipingere en plein air.  Monet seguirà  Boudin fino a quando il suo mentore confesserà di non aver più nulla da insegnargli e gli consiglia di andare a studiare arte a Parigi.

Monet si troverà, nel 1861,  in una Parigi in piena trasformazione:  da angusta città medievale a “gioiello più splendente d’Europa”.  Condividerà sogni e speranze con altri artisti,  arsi dal fuoco sacro dell’arte, come Renoir, Pissarro, Bazille e incontrerà, in una libreria, Camille Doncieux, una ragazza di alto rango,  che sarà la sua musa  ispiratrice, amante  e prima moglie. Camille condividerà la vita bohémienne e gli anni vissuti in miseria, senza soldi per sfamarsi in modo adeguato o acquistare i colori e le tele per dipingere. In perenne fuga dai creditori, tentando di allestire mostre o far accettare i quadri al Salone degli Artisti Francesi, fra mille rifiuti e delusioni, senza mai rinunciare al sacro fuoco dell’arte.

Molto bella, nel romanzo, la descrizione della mostra collettiva organizzata dalla Societé Anonyme des Peintres  a cui parteciparono, insieme a Monet, Renoir, Pissarro, Cézane, Degas, Morisot e Sisley. In questa mostra Monet presenta “Impressione  sole nascente” e un critico, in maniera sprezzante, definisce i pittori “impressionisti”. Nasce così l’impressionismo, con i suoi pittori oggi tanto celebrati, ma per cui la vita non fu certo facile.

Nel libro è raccontata la prima giovinezza di Monet, la sua tormentata storia d’amore con Camille, con degli intermezzi in cui ritroviamo il celebre pittore, già vecchio, a Giverny, intento a dipingere “Le ninfee”.

 Scrittura scorrevole per un romanzo che ci fa vivere i conflitti fra arte e sentimento e viaggiare fra i colori unici e indimenticabili della Normandia e i fermenti di una città, Parigi, che diventerà la “città degli artisti”. Seguendo le orme di Claude Monet, che non si separava  mai da  tele e tubetti di colore perché, come sosteneva, “cosa si può dire di un uomo a cui importava solo dipingere?”.   

La donna col vestito verde

Stephanie Cowell

Edizioni Neri Pozza

Isbn 9788854503854

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Valerio permalink
    febbraio 6, 2011 11:05

    Ho letto il libro della Cowell e mi è piaciuto molto, come te amo la Bretagna e la Normandia dove è possibile visitare i luoghi che ritroviamo nei quadri dei grandi pittori impressionisti.
    Complimenti per il blog, davvero interessante.

  2. chiara permalink
    febbraio 12, 2011 18:11

    Ah, la France……amore e passione comune, ho letto la recensione e non voglio proprio
    perderlo….sarà come affondare nel mare e volare nel cielo blu come solo in Normandia e Bretagna è …..semplicemente unico!!!! Grazie per il consiglio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: