Skip to content

Recensione Cuor di castagna

novembre 28, 2011

Gastronomia. Brava non soltanto come scrittrice, ma anche come cuoca, in quanto ‘tutte le ricette sono state provate direttamente dall’Autrice’. Ha dell’incredibile ciò che si può fare con un frutto così ‘semplice’ come la castagna. Il suo albero è simbolo di previdenza (cfr. p. 54) ed è tra le piante più longeve. Le ricette sono divise per ‘piatti’, dagli antipasti ai dolci; inoltre gelati, marmellate, liquori (perfino birra!) e il miele. Un prontuario che certamente arricchirà la tavola dei palati più esigenti. Si pensi che le frittelle di farina di castagne risalgono al XII secolo. Un tempo era usuale ‘andare a castagne’ sull’Appennino bolognese. Poi bollite (i balôs) o in brodo, nel loro brodo. Melville, in un suo racconto, parla del ‘budino del povero’: con le castagne si aveva il ‘pane del povero’; ma, visto quanto costano, dobbiamo parlare di ‘pane dei ricchi’. Il racconto (Anime gemelle) conclude il simpatico prontuario.

 Luciano Nanni (Literary)

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: