Skip to content

Il male degli ardenti – Andrea Ballarini

febbraio 3, 2013

Trovarsi fra le pareti amiche della Libreria Trame via Goito n. 3/c Bologna a dialogare con Andrea Ballarini del suo libro “Il male degli ardenti” (Del Vecchio Editore) è per me trascorrere un pomeriggio fra amici.

Alice Keller, attrice di teatro, legge alcuni brani del libro.

Andrea Ballarini, milanese di nascita, vive a Roma. Lavora nella pubblicità e il venerdì tiene la rubrica “Manuale di conversazione” sul sito del Foglio.

Questa sera è a Bologna per parlare del suo secondo romanzo “Il male degli ardenti” che fa parte della trilogia con protagonista Giacomo Crivelli, commediante, amante delle donne e curioso della vita.

Il primo romanzo della trilogia è “Il trionfo dell’asino” (Del Vecchio Editore), le bozze del terzo sono già nelle mani dell’editore.

Quale duce guiderà i soldati di Cristo lungo un cammino insidiato da tanti terribili nemici? Il re di Francia, divorato dall’ambizione sfrenata di potere e di splendore mondano? Il doge, sempre più uno sbiadito titano d’acqua salmastra, che non rinuncia a essere un affronto perpetuo con la sua pretesa di sottrarre le serenissime terre alla giurisdizione del papa? Il Gran Turco giunto quasi alle soglie del trionfo e respinto più volte nella vallata infernale da cui era stato suscitato, almeno fino al prossimo assedio? L’imperatore d’Austria che, come un lupo travestito d’agnello, fa della sua ostentata fede il cavallo di Troia con cui insinuarsi nel cuore dei cristiani quale vero emissario terrestre del Dio della Bibbia, curandosi allo stesso tempo di saldare i debiti contratti durante l’assedio di Vienna con alcune famiglie italiane, ripagandole con la svendita di feudi imperiali?”.

Siamo nel 1697 e Giacomo Crivelli, commediante del Teatro Italiano a Parigi, si ritrova senza lavoro per un decreto del Re Sole che ha sposato la Maintenon e il suo rigore e ordina la sospensione degli spettacoli teatrali.

Il suo vecchio amico Aristotele Cereri lo raggiunge e gli offre un lavoro come capocomico a Venezia. Giacomo accetta e, dopo un viaggio avventuroso in cui incontrerà Diana, una misteriosa cantante italiana, si ritroverà, insieme ai due compagni di viaggio, a Venezia.

Venezia dove, all’epoca, il Carnevale durava sei mesi. Venezia dove è scoppiata un’epidemia di fuoco di Sant’Antonio. Venezia, teatro di una serie di delitti irrisolti che vedono implicati nobili e donne di teatro.

Giacomo Crivelli si troverà coinvolto nelle indagini e in una complicata storia d’amore con la bella Diana.

Un giallo barocco, con tutti gli ingredienti del genere giallo e il fascino di una città come Venezia alla fine del 1600.

Andrea Ballarini è bravo a tratteggiare i personaggi, a descrivere gli usi  e i costumi dell’epoca e a trascinare il lettore nell’atmosfera del teatro dell’epoca, con le sue primedonne, i trucchi vistosi, il pubblico chiassoso e i costumi liberi. Il romanzo è diviso in atti e scene.

Con il Carnevale come filo conduttore, la serata scorre interessante e piacevole.

Libro consigliato.

Alcune foto.

Ballarini Alice - Presentazione Trame Presentazione Ballarini Andrea Ballarini Presentazione Trame  Katia Ballarini Andrea

Annunci
One Comment leave one →
  1. Nicoletta permalink
    febbraio 3, 2013 14:34

    bella serata e ottimo libro… per non tacer dei salatini!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: