Skip to content

Tra giallo e noir la mia Quiche letale

settembre 20, 2013

Pubblicato da CoCò + in data: 2013-09-19 1 Commento

Piatto Easy Life Design, tessuti Busatti

I veleni e la cucina hanno da sempre avuto un legame strettissimo. In moltissimi casi se somministrati nel modo e nelle dosi opportune non lasciano neppure traccia ed i sintomi vengono scambiati per comuni malanni, questo permette all’assassino, legato il più delle volte da stretti rapporti alla vittima, di farla addirittura franca. 

Quanti letali manicaretti sono stati nel corso dei secoli somministrati da devote e innocue signore ad ignare e fiduciose vittime.

Ricette FataliRicette fatali di Katia Brentani  pubblicato da Damsterè un libro di curiosità, storie e leggende che ha come protagoniste Donne velenose in cucina, avvelenatrici improvvisate o di professione che hanno lasciato una traccia di sé nella storia. Come non citare Giulia Tofana, la cortigiana giustiziata a Roma nel 1659 per aver venduto più di 600 dosi (causando altrettante vittime) di Acqua di Tofana, lo storico veleno rinascimentale di sua invenzione a base di anidride arseniosa, limature di piombo e antimonio. Il volume, spassoso e colto al contempo, offre diversi spunti per approfondire storie e tecniche in fatto di veleni. Non mancano venefiche ricette e un racconto finale Le ricette della trisavola, velenoso al punto giusto.

Forse non ho avuto mai l’occasione per dirvi che prima di essere un’appassionata di romanzi culinari adoravo immergermi nei gialli. Ovviamente l’investigatrice che più amavo era la vecchina Miss Marple della Christie, adoravo l’aria tutta inglese e demodé che si respirava in quei libri.

Certo l’amore per il giallo e l’intrigo non prescindeva da quello per la cucina, come non ricordare quei tè all’inglese in cui sembrava di esser presenti. Ho ritrovato un  po’ della mia autrice preferita, insieme a tanta innovazione nei libri della M.C. Beaton e voglio parlarvi di Agatha Raisin e la quiche letale pubblicato da Astoria. Immersa nella lettura mi sono lasciata affascinare da questa improvvisata ed eccentrica detective cinquantenne dal carattere difficile e dal passato di manager di successo che molla la carriera per trasferirsi in un cottage nel villaggio dei suoi sogni nei Cotswolds. E proprio lei che va avanti a pasti da microonde incapace di preparare alcunché decide di partecipare ad una gara culinaria (con una quiche acquistata a Londra)  per diventare popolare nella nuova comunità. Iniziano i problemi quando  per via della sua quiche un uomo perderà la vita, sarà ingiustamente accusata di aver provocato una morte e giustamente additata per avere imbrogliato. Ma l’attiva e prepotente Agatha si tirerà fuori dai guai regalandoci pagine colme di ironia e leggerezza, intelligenza e sarcasmo. Non vedo l’ora di leggere le successive avventure della Raisin.

Stavo ancora assaporando la quiche letale quando mi è capitato di immergermi in un’altra piacevole lettura noir che ha come sfondo una cucina. Sono riemersa, per una breve pausa solo dopo  le prime 115 pagine.  La ricetta dell’assassino di Anne Holt pubblicato da Einaudi Stile Libero Big è così. Impossibile non restare avvinti alle vite di Hanne Wihelmsen, di Billy T. e dell’intera squadra Omicidi per scoprire come e per mano di chi è morto Brede Ziegler, noto chef di uno dei ristoranti più in a Oslo. 

Un caso singolare, un duplice omicidio perpetrato ai danni della stessa vittima che è stata uccisa con un solo fendente inferto da un pregiato coltello da cucina e del semplice paracetamolo somministrato in dose letale. 440 pagine di adrenalina pura.

Amava il noir anche nonna Mimmy, una nonna fuori dal comune dedita ai racconti di storie di cronaca nera più che alla preparazione di merende. Ce la racconta, tornando bambina, la nipote Gabriella Belisario in Mimmy dei brividi Fritto misto col morto pubblicato da Davide Ghaleb. Un viaggio a ritroso nel tempo per ricostruire  una personalità complessa e affascinante che domina e decide della vita dei discendenti.

La gigantessa e la bambina procedono insieme nel racconto all’ombra di San Pietro e del Vaticano in una Roma d’altri tempi tra un fritto misto che era per nonna Mimmy una sinfonia di sapori e macabri spuntini a base di zampe di gallina o testina d’abbacchio. 

Tra tutto questo giallo e noir ho inserito la mia quiche letale, una pietanza perfetta per nascondere un po’ di veleno a voi la ricetta, senza ingrediente segreto ovviamente che la tofana non saprei dove procurarmela.

per la base non ho utilizzato né burro né olio ma solo tahini o burro di sesamo, il tahini  chiaro di Cibocrudo e come risultato ho avuto una brisée croccante e gustosissima. Per il ripieno verdure miste (cicoria, scarola, spinaci), riso originario e del buon Pecorino Romano dop Brunelli per insaporire il tutto.

Quiche letale

Ingredienti
per la base:

200 g di farina 

1 cucchiaino di sale 

100 g di Tahini

1 uovo 

3-4 cucchiai di acqua

per il ripieno:

400 g circa di verdure miste lessate (cicoria, spinaci, scarola)

3 cucchiai di riso originario 

1 uovo

1 spicchio d’aglio

olio extravergine d’oliva

4 cucchiai di pecorino grattugiato

1 cucchiaio di pangrattato

Lavorare la farina con il sale e il burro di sesamo aggiungere l’uovo leggermente battuto con l’acqua, formare una palla e lasciar riposare in frigo avvolta in pellicola prima di stenderla. Lessare il riso in acqua con un pizzico di sale. Saltare le verdure con l’aglio e un filo d’olio, eliminare l’aglio ed amalgamare il riso scolato, l’uovo e il pecorino. Stendere la sfoglia in una teglia unta o foderata di carta forno. Bucherellare il fondo e dopo aver distribuito sul fondo il pangrattato, riempirla  con il ripieno di verdure preparato. Cuocere in forno a 170° per 35-40 minuti.

http://www.saleepepequantobasta.com/2013/09/tra-giallo-e-noir-la-mia-quiche-letale.html

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: