Skip to content

Recensione “Volevo solo chiuderle gli occhi” (Albus Edizioni)

febbraio 24, 2014

http://nicolaarcangeli.blogspot.it/2014/02/volevo-solo-chiuderle-gli-occhi.html?spref=fb

Copertina Volevo solo chiuderle gli occhiBologna, in un inverno cupo e gelido, fatto di poca luce e molte ombre, viene trovato il corpo di Giulia Marini, figlia del principe del foro Adolfo Marini. Il cadavere è stato rinvenuto nell’austero, centrale e lussuosissimo studio Marini e associati, universo costituito da una moltitudine di caratteri costretti a convivere fianco a fianco nella frenesia e nella competitività reciproca.

Tutto sembra muoversi a folle velocità, nemmeno la morte della perfida Giulia sembra dipanare l’aura di cattiveria, diffidenza e malignità che ammorba il gruppo, anzi, quasi ognuno sembra avere un motivo per gioire della morte della donna. Gli alibi scarseggiano, i segreti abbondano.
Particolare inquietante, Giulia è stata sottoposta ad un vero e proprio rito mortale, con occhi e bocca cuciti con ago e filo.
Gelosia, rabbia, vendetta?
O un serial killer all’inizio dell’opera?
Il commissario Volpi dovrà indagare a lungo per sbrogliare la matassa fino al colpo di scena finale, che come nel più classico dei gialli, lascia il lettore a bocca… cucita!

Di questo romanzo di Katia Brentani ho apprezzato l’ambientazione e il tono crepuscolare, il personaggio del commissario Volpi è costruito con garbo e con quella sofferenza che lo rende molto umano, molto vicino a chi legge. La trama è fatta di relazioni e rapporti insospettabili, alcuni strettamente legati alla vittima, altri facenti parte di un altro mondo.

Ma a volte i mondi collidono.

Un libro che si legge volentieri, con continui colpi di scena e con una scrittura asciutta che indugia sulla digressione il necessario (molto toccante il contesto familiare di Volpi e famiglia), preferendo tenere il lettore incollato agli eventi.
Non ci si annoia mai.
Una bella scoperta, a riprova del fatto che a Bologna e dintorni esistono un’infinità di talenti che definire scrittori ‘locali’ è quantomai riduttivo.

Questo mi ha dato lo spunto per un post che pubblicherò nei prossimi giorni, in cui parlerò anche di Polizia di Jo Nesbo.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: